Cordite - chiarimenti

Ricarica e calibrazione

Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7281
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 16 volte

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da Andrea58 »

[264 Bravo, hai esposto correttamente il mio confuso ragionamento.
Ricordo a tal proposito un grave incidente successo con un fucile in un poligono del nord. Il tiratore era anche un esperto ricaricatore ed aveva preparato le cartucce in modo corretto. Purtroppo aveva la mia stessa malattia e cioè quella dell'ottone lucido. Ha messo i colpi carichi nel tumbler e li ha lucidati.
Le vibrazioni hanno rotto i grani di polvere trasformando il rateo di combustione della polvere da progressivo a vivace con il conseguente scoppio del fucile.
Si sono accorti della cosa controllando le cartucce rimaste.
Percui:
50 grani di polvere X pressione ok. [264
50 grani di polvere X sminuzzata = aumento della velocità di combustione e conseguente innalzamento delle pressioni con scoppio dell'arma [argh [argh [argh [argh
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
berettofilo
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 634
Iscritto il: 04/09/2013, 14:33
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Artiglieria
Nazionalita: Altro
Località: Rapallo
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da berettofilo »

Centerfire ha scritto: la Ball Powder ha la superfice imbevuta di ritardante per rendere uniforme la produzione di gas durante la combustione della sfera.....

Generalmente le Ball Powder sono trattate esternamente con grafite, ma altrettanto generalmente tutte le moderne polveri da lancio alla nitrocellulosa hanno al loro interno ed esterno une dose di flemmatizzanti ed attenuanti della velocità di combustione e della temperatura della fiamma. Questo perché, nitrando la cellulosa per produrre la polvere da lancio, in soluzione di acido solforico e nitrico si ottengono due anzi tre sottoprodotti:
mononitrocellulosa, dinitrocellulosa e trinitrocellulosa.
Solo gli ultimi due, meglio conosciuti come cotone collodio e cotone fulminante o fulmicotone sono poi utilizzati per la fabbricazione dei propellenti da lancio, ma entrambi allo stato dell'arte sono inutilizzabili in quanto detonanti, ragion per cui entrambi vengono trattati per modificarne la struttura allo scopo di ridurre la velocità di esplosione:
il cotone collodio viene gelatinizzato come dicevo prima con una miscela di alcool-etere mentre il secondo essendo insolubile in questa miscela (a causa della più completa nitrazione) viene trattato con miscele di acetone. In entrambe le lavorazioni vengono inseriti additivi per ridurre la velocità di esplosione e la temperatura di combustione che risulta particolarmente deleteria per la durata delle canne delle armi.
Quello che invece si tenta di fare cambiando la forma dei grani di polvere è contrastare il fenomeno della "degressione" ovverosia la tendenza delle polveri a vivacizzare la combustione man mano che essa procede, in modo da renderla il più costante possibile.
Pertanto le polveri granulari, sferoidali cubiche avranno una degressione elevata, le polveri con granuli lamellari fini avranno una degressione moderata mentre le lamellari più grosse avranno una degressione moderata.
spero di non avervi annoiato troppo :oops: mi lascio sempre trasportare [142
......Lo strano destino della pallottola, che bruciando nasce e bruciando muore......
Avatar utente
berettofilo
Sostenitore
Sostenitore
Messaggi: 634
Iscritto il: 04/09/2013, 14:33
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Artiglieria
Nazionalita: Altro
Località: Rapallo
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da berettofilo »

Andrea58 ha scritto:[264 Bravo, hai esposto correttamente il mio confuso ragionamento.
Ricordo a tal proposito un grave incidente successo con un fucile in un poligono del nord. Il tiratore era anche un esperto ricaricatore ed aveva preparato le cartucce in modo corretto. Purtroppo aveva la mia stessa malattia e cioè quella dell'ottone lucido. Ha messo i colpi carichi nel tumbler e li ha lucidati.
Le vibrazioni hanno rotto i grani di polvere trasformando il rateo di combustione della polvere da progressivo a vivace con il conseguente scoppio del fucile.
Si sono accorti della cosa controllando le cartucce rimaste.
Percui:
50 grani di polvere X pressione ok. [264
50 grani di polvere X sminuzzata = aumento della velocità di combustione e conseguente innalzamento delle pressioni con scoppio dell'arma [argh [argh [argh [argh
Grazie andrea58, troppo buono! [264
io invece ricordo di tre sfortunati se non sbaglio in quel di Savona che preparavano mortaletti con la polvere nera e che avendo necessità di polvere più fine ebbero la sciagurata idea di tritarne un po' con un "minipimer".... [argh [argh peccato che erano in mezzo ad un deposito clandestino e li hanno ritrovati letteralmente spalmati sui ruderi del locale [notok ma questa è un'altra storia.....
......Lo strano destino della pallottola, che bruciando nasce e bruciando muore......
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5267
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 28 volte

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da OLD1973 »

Bravi colleghi che avete portato un poco di chiarimento in questo fumoso mondo!
Quindi codesta benedetta cordite è alla fine poco dosabile in quanto non granulare, ma è una polvere a granitura grossa, quindi "lenta" e progressiva, giusto? Oppure la superficie di combustibile esposta al fronte di fiamma è vasta, considerando anche la minuscola cavità, e quindi è "veloce" e nervosa?
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7281
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 16 volte

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da Andrea58 »

OLD1973 ha scritto:Bravi colleghi che avete portato un poco di chiarimento in questo fumoso mondo!
Quindi codesta benedetta cordite è alla fine poco dosabile in quanto non granulare, ma è una polvere a granitura grossa, quindi "lenta" e progressiva, giusto? Oppure la superficie di combustibile esposta al fronte di fiamma è vasta, considerando anche la minuscola cavità, e quindi è "veloce" e nervosa?
Mettiamola sul culinario con licenze poetiche. La cordite brucia sempre alla stessa velocità ma......
Spaghetto di cordite da 10 grammi = "lento"
Bucatino di cordite da 10 grammi = veloce dato che la fiamma ha più superficie su cui agire.
Per velocità non intendo quella di fiamma ma quella in cui si sviluppano i gas.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5267
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 28 volte

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da OLD1973 »

[264
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
pecos

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da pecos »

Velocita' di combustione della polvere da sparo.
Bel problema, brillantemente risolto alla BPD di Colleferro. Infatti negli anni 60-70 gli americani dell' Aberdeen ProvIng Ground erano alle prese con un problema, apparentemente insolubile, della velocita' di combustione della polvere di una cartuccia che non ricordo, ma non cavarono un ragno dal buco. In breve il problema fu risolto ai tecnici della BPD che operarono sulla superficie esterna ed interna dei singoli granuli di polvere, ottimizzando il tutto. Non stupisca questa notizia, non molti sanno che i bulloni esplosivi che permettono la separazione degli stadi dei missili sono stati inventati alla BPD. Se vuoi chiarimenti circa la cordite non puoi trovare di meglio, chiedi in quel di Colleferro!!!
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7281
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 16 volte

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da Andrea58 »

Questa dei bulloni non la sapevo. [264
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA
Grazie Ricevuti: 1 volta

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da wyngo »

Enciclopedia degli esplosivi di Fedoroff, largamente disponibile in rete...10 volumi di saggezza.
http://www.scribd.com/doc/45374832/The- ... E-8#scribd

Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA
Grazie Ricevuti: 1 volta

Re: Cordite - chiarimenti

Messaggio da wyngo »

https://en.wikipedia.org/wiki/Cordite

Un po di storia, anche se da verificare in parte, ma in generaale dovrebbe andare bene per togliersi alcune curiosita'.
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Rispondi