identificazione!

Munizioni fino a 20mm

Avatar utente
Italien
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 204
Iscritto il: 07/07/2006, 15:21
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Genova/Massa Carrara
Contatta:

Messaggio da Italien »

Su ogni maglia ci dovrebbe essere il marchio dello stabilimento che l'ha costruita... lo so perchè ne ho avuto anch'io uno spezzone di 11 pezzi (DM 4, SL 4, 4 TW, perfetti come appena sparati), e i simboli sulle maglie erano tutti differenti (perfette anch'esse).
Qui sotto vedete il disegno originale che feci all'epoca.
200862718593_A000.jpg
Saluti e... buona ricerca a tutti.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
micky

Messaggio da micky »

La cartuccia era perfettamente intercambiabile fra le varie versioni della Browning, non c'era un munizionamento specifico per armi terrestri o aeree, e gli arsenali sono sempre quelli.

Solo i nastri per aerei POTEVANO (ma era una scelta del pilota) avere differenti percentuali di colpi ordinari, traccianti o perforanti. Alcuni piloti, specialmente nel 350th Fighter Group, avevano abolito i traccianti per non mettere in allarme l'aereo nemico cui erano alle costole.

Purtroppo dal bossolo non è possibile stabilire il tipo di palla...
micky

Messaggio da micky »

Italien ha scritto:
Su ogni maglia ci dovrebbe essere il marchio dello stabilimento che l'ha costruita... lo so perchè ne ho avuto anch'io uno spezzone di 11 pezzi (DM 4, SL 4, 4 TW, perfetti come appena sparati), e i simboli sulle maglie erano tutti differenti (perfette anch'esse).
Saluti.
I nastri venivano confezionati spesso "al bisogno" dagli armieri, pescando nelle cassette a caso. C'erano apposite macchinette per laa confezione dei nastri (aaaahhh, averne unaa...)
marcotk

Messaggio da marcotk »

Il nastro era stato raccolto dopo un raid di 2,3 Thunderbolt (testimone visivo aveva anche letto il loro nome) che aveva bombardato con 2 bombe un treno (in prossimità di Varese). Avevano anche mitragliato a caso in campagna e questa era piena di nastri. Sempre lo stesso testimone visivo dice che erano stati raccolti interi e quindi non riassemblati e che nelle vicinanze non c'erano partigiani che avevano sparato, i nastri erano apparsi dopo il raid. Questo successe nel mese di Gennaio del 44 (un giorno non sicuro dopo il 25).

Quindi erano caduti interi dagli aerei?! [?] [innocent]

Saluti!
Avatar utente
Aorta10
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 1214
Iscritto il: 09/10/2005, 10:15
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Emilia Romagna
Grazie Ricevuti: 2 volte

Messaggio da Aorta10 »

Mi è capitato spesso di trovare di scavo questi colpi piovuti a centinaia dal cielo,generalmente si trovano abbastanza isolati l'uno dall'altro,la caduta da vari metri di altezza provocava delle ammaccature sul corpo dei bossoli,in più l'enorme quantità di pezzi del nastro mi fa più supporre a un ritrovamento da postazione terrestre...Concordo con la teoria di micky
Alcune varianti di cal. .50 (WWII)
1)Ordinaria,2)Perforante,3)Tracciante,4)Incendiaria 1°Tipo,5)Incendiaria 2°Tipo,6)Perforante-Incendiaria,7)Incendiaria al fosforo.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
micky

Messaggio da micky »

marcoltk ha scritto:
Il nastro era stato raccolto dopo un raid di 2,3 Thunderbolt (testimone visivo aveva anche letto il loro nome) che aveva bombardato con 2 bombe un treno (in prossimità di Varese). Avevano anche mitragliato a caso in campagna e questa era piena di nastri. Sempre lo stesso testimone visivo dice che erano stati raccolti interi e quindi non riassemblati e che nelle vicinanze non c'erano partigiani che avevano sparato, i nastri erano apparsi dopo il raid. Questo successe nel mese di Gennaio del 44 (un giorno non sicuro dopo il 25).
Quindi erano caduti interi dagli aerei?! [?] [innocent]
Saluti!
Confermo che è assolutamente impossibile, per le M2 di un Thunderbolt o di un mustang, o di un P-38, o un P-40, espellere nastri interi. Non ci sarebbe proprio lo spazio fisico...

Anche ammettendo che ci fosse, sarebbe improbabile che un aereo si trascinasse dietro 20 chili di nastro svolazzante sotto le ali.... Confermo l'ipotesi del riassemblaggio, come del resto erano soliti fare i ragazzini, con grande incazzatura dei papà di allora (mio nonno) che temevano probabilissime rogne dal crucco più vicino!!
micky

Messaggio da micky »

Mi sorge adesso un sospetto: prova a chiedere in giro se lì vicino è caduto un bombardiere, questa potrebbe essere un'altra ipotesi plausibile...
marcotk

Messaggio da marcotk »

micky ha scritto:
Mi sorge adesso un sospetto: prova a chiedere in giro se lì vicino è caduto un bombardiere, questa potrebbe essere un'altra ipotesi plausibile...
La faccenda si sta facendo interessante!! Sono state ritrovate più o meno in coordinate 45.695397, 8.710860 (puoi vedere con maps.google.com)!

[ciao2]
micky

Messaggio da micky »

Questa è l'ala del thunderbolt, dal davanti e sotto, puoi vedere le otto aperture d'espulsione separate, le piccole per le magliette, e le grandi per i bossoli:
200862718532_P-47ala.jpg
Un'altra cosa: la data è probabilmente errata. Nel gennaio 44 il thunderbolt era ancora una bestia relativamente rara sul nord italia, impiegato ancora massicciamente più come caccia di scorta che come "strafers", ruolo che veniva ricoperto più frequentemente dai P-38, in ragione della loro grande autonomia, in missioni specifiche di "armed recce".

E' dalla primavera 44 che il Thunderbolt comincia ad essere presente in modo massiccio sui nostri cieli.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
guarnere

Messaggio da guarnere »

Quoto e soffio sul collo a Micky.
Rispondi