austriache da identificare

Munizioni fino a 20mm

Avatar utente
Pivi
Friends
Friends
Messaggi: 1659
Iscritto il: 17/01/2008, 18:30
Collezionista: Si
cosa: Solo Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Tarcento-Friuli Venezia Giulia

Re: austriache da identificare

Messaggio da Pivi »

credo che la prima sia una cartuccia da tiro derivata da un bossolo ex militare.Sia la Georg roth sia la DWM elencavano nella categorie "target2 cartucce con bossolo lungo fino a 60 mm

Io ho quella da 47 mm ed è molto simile
Avatar utente
sniper
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 349
Iscritto il: 17/11/2005, 0:39
Collezionista: No
cosa: Militari e Civili
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Località: pistoia

Re: austriache da identificare

Messaggio da sniper »

La seconda potrebbe essere questa, la piega del bossolo sulla palla è uguale ma non c'è il bordo rialzato sotto il fondello
http://www.municion.org/11/11_7x51_6Rem.htm
FUOCO A VOLONTA'
Avatar utente
Eniac
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5238
Iscritto il: 20/06/2009, 9:53
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Abruzzo
Grazie Inviati: 62 volte
Grazie Ricevuti: 3 volte
Contatta:

Re: austriache da identificare

Messaggio da Eniac »

dico la mia... è l'unica che si avvicina di piu in assoluto , non ne vedo altre. (fonte F.C.Barnes 11th Edition)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Copyright © CeSIM Munizioni 2020. All Rights Reserved.
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: austriache da identificare

Messaggio da norby73 »

Fausto mi sbaglio o il secondo bossolo ha due spalle?
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: austriache da identificare

Messaggio da norby73 »

Credo che per la prima pivi ci abbia colpito nel segno, non esiste una cartuccia militare austriaca con quelle misure, nemmeno tra le sperimentali.
Avatar utente
fert
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 2910
Iscritto il: 15/05/2006, 14:05
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Artiglieria
Nazionalita: Tutte
Località: Umbria
Grazie Ricevuti: 15 volte

Re: austriache da identificare

Messaggio da fert »

si credo che per la prima l'identificazione sia giusta...

per l'altra sembra che abbia una leggera spalla....a circa meta del bossolo, poi il colletto vero e proprio crimpato sulla palla

@eniac: i dati di barnes sono sbagliati, non esiste una cartuccia austriaca mod 73 le armi mod 67 e 73 utilizzavano la cartuccia mod 67 in 11.2x41

[attachment=0]10,2x50Rrid.jpg[/attachment]
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
Eniac
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5238
Iscritto il: 20/06/2009, 9:53
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Abruzzo
Grazie Inviati: 62 volte
Grazie Ricevuti: 3 volte
Contatta:

Re: austriache da identificare

Messaggio da Eniac »

beh, allora il Sig. Barnes ha fatto un macello, perche se "googli" la voce 11,4x50R Werndl M73 ti scappano fuori decine di siti che parlano appunto di questa munizione.

Ti riporto giusto 2 righe da un notissimo sito Italiano. " Dopo questo insuccesso si presentò Josef Werndl (1831-1889), il fondatore della rinomata e conosciutissima Österreichische Waffenfabrik Gesellschaft di Steyr, con il suo progetto, creato unitamente all’Ingegner Karl Josef Holub, di arma con otturatore rotante su asse longitudinale.

Le relative prove si svolsero nel poligono dell’Arsenale di Vienna: i tiratori scelti del 21° Battaglione Cacciatori dimostrarono che il progetto austriaco era capace di una precisione di tiro uguale a quella dei Rolling-Block e che poteva arrivare ad una celerità di tiro del 20% superiore. Nel 1867 viene adottato con il nome di Infanterie Gewehr Model 1867 in calibro 11,4x50R Werndl.

Fatto incredibile per l’epoca, Werndl non pretese dallo Stato nessun pagamento della tassa di sfruttamento del brevetto; tale scelta non fu dettata da ideali patriottici ma dalla consapevolezza di essere l’unico in grado di produrre la nuova arma nella quantità, nella qualità e nei tempi richiesti per equipaggiare l’esercito e le varie milizie territoriali ( Landwehr e Landsturm ).

Di fucili Mod.1867 nella versione sia per la fanteria che per i cacciatori, riconoscibili per il paragrilletto sagomato a pistola, ne furono fabbricati 600.000 esemplari.

Nel 1873 fece la sua comparsa una versione migliorata, il Mod.1873, e dal 1877, per uniformare il calibro, a 309.000 armi, tra M.1867 e M.1873, venne cambiato il calibro al fine di impiegare la nuova Patrone M.1877 o meglio conosciuta come 11,15x58R
."

ti allego il link completo cosi puoi andare a controllare personalmente. [icon_246

http://www.exordinanza.net/schede/Werndl-M67.htm

Un mio consiglio....tienila da conto quella cartuccia , non credo che ne girino molte [icon_246 [icon_246
Copyright © CeSIM Munizioni 2020. All Rights Reserved.
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5253
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana
Grazie Inviati: 1 volta
Grazie Ricevuti: 16 volte

Re: austriache da identificare

Messaggio da Centerfire »

Dirò la mia, anche se sono quello che ne sà meno di tutti....
Per la spalla del secondo modello l'impressione è che sia formata dal dies che crimpa il proiettile. Prima di arrivare a chiudere la bocca ricalibra il bossolo sul fianco della palla (avere la bocca più larga agevola l'inserimento della palla...). Somiglia un pò ai bossoli del revolver Bodeo 10.4 che erano leggermente conici per finire cilindrici in corrispondenza della palla. Però ogni produttore lo faceva a modo suo in quanto non era una geometria fondamentale per il funzionamento! [0008024

Certo che l'ottenere un calibro da tiro modificando un preesistente militare crea un bel pò di grane a chi cerca di capirci qualcosa! [255

[00016009
Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
È tempo di morire. (Blade Runner)
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: austriache da identificare

Messaggio da norby73 »

Il secondo dovrebbe essere un 11,5 x 50 R Werder Gewehr 1869 quello della foto è un esempio, non lasciarti ingannare dalla forma del fondello, li hanno fatti sia con la forma "mauser" sia con questa
Werder.JPG
la poca sporgenza della spalla forse è dovuta allo sparo della cartuccia per poi essere ricaricata (seconda crimpatura)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
fert
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 2910
Iscritto il: 15/05/2006, 14:05
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Artiglieria
Nazionalita: Tutte
Località: Umbria
Grazie Ricevuti: 15 volte

Re: austriache da identificare

Messaggio da fert »

ciao
per quanto riguarda Barnes confermo. a riguardo il buon Motz ha dedicato una smentita sul suo libro Osterreichische militarpatronen band1 a pag 40 che riporto, con l'indicazione giusti di calibri e arma.
[attachment=0]Senza titolo-8.jpg[/attachment]

grazie a tutti per le ipotesi effettuate
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Rispondi