Spolette italiane su bombe inglesi???

La bibbia delle bombe d'aereo

Rispondi
Avatar utente
kanister
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 471
Iscritto il: 16/08/2007, 17:53
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Savona
Grazie Ricevuti: 3 volte

Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da kanister »

Ho rinvenuto questo documento: che ne pensate?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
ciao, g.u.
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7223
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 8 volte
Grazie Ricevuti: 13 volte

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da Andrea58 »

Interessante, la provenienza potrebbe essere africana?
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
Eniac
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5241
Iscritto il: 20/06/2009, 9:53
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Abruzzo
Grazie Inviati: 62 volte
Grazie Ricevuti: 3 volte
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da Eniac »

Mah [1495 ... io non ci posso credere , ma ci bombardavano con roba prodotta da noi ? Spero davvero che qualche esperto smentisca o chiarisca quello che ho appena letto qua sopra perché è davvero roba da matti .
Copyright © CeSIM Munizioni 2020. All Rights Reserved.
Avatar utente
axel1899
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 875
Iscritto il: 03/03/2006, 18:51
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Lombardia

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da axel1899 »

Io manco sapevo che alla Fiocchi avessero prodotto spolette .... e la cosa anzi mi stupisce un po'... capirei detonatori....

a prescindere, quand'anche fosse, visto quel "1941" non potrebbero che essere di preda bellica.....
Avatar utente
axel1899
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 875
Iscritto il: 03/03/2006, 18:51
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Lombardia

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da axel1899 »

Eniac ha scritto:Mah [1495 ... io non ci posso credere , ma ci bombardavano con roba prodotta da noi ? Spero davvero che qualche esperto smentisca o chiarisca quello che ho appena letto qua sopra perché è davvero roba da matti .
beh dai... fù molto peggio quando , un po' più a sud e qualche decennio prima, ci spararono con armi e cartucce Vetterli che gli avevamo appena ceduto.................
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7223
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 8 volte
Grazie Ricevuti: 13 volte

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da Andrea58 »

axel1899 ha scritto:Io manco sapevo che alla Fiocchi avessero prodotto spolette .... e la cosa anzi mi stupisce un po'... capirei detonatori....

a prescindere, quand'anche fosse, visto quel "1941" non potrebbero che essere di preda bellica.....
Hai ragione, mi sono fatto fuorviare dalla data del documento.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
stecol
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 2270
Iscritto il: 11/04/2007, 11:48
Collezionista: No
cosa: Militari e Civili
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: Roma
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 15 volte
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da stecol »

Tranquilli, la cosa è frutto di un equivoco (che si è perpetuato fino ai nostri giorni) dovuto al fatto che il costruttore ha dimenticato di mettere qualche punto di separazione tra una lettera e l'altra.

Una delle ipotesi plausibili è quella riportata qui:

http://www.munizioni.eu/munizioni/forum ... 1&p=557852

Anche se la sicurezza matematica sul vero produttore effettivamente non c'è.

Comunque sull'uso di bombe italiane da parte della RAF, qualcosa ci deve essere stato, anche per una involontaria fornitura a sua maesta britannica di 6000 (seimila) tonnellate di bombe di medio e grosso calibro.

Difatti il 10 o l'11 Giugno del 1940 venne catturato un mercantile italiano a Suez che portava questo carico in AOI, teatro in cui abbondava munizionamento di caduta leggero (fino ai 50 kg), ma era letteralmente a secco di bombe di calibro maggiore.

Come al solito s'erano ricordati all'ultimo momento di questa situazione e in fretta e furia avevano racimolato il carico, sicuramente mettendo in crisi qualche intera brigata aerea, messo su una nave e spedita di corsa via canale di Suez.

Gli inglesi, che l'anello al naso non lo portavano e conoscevano benissimo la natura del carico, si inventarono una serie di impedimenti doganali e di transito ritardando il passaggio del bastimento sul canale e poi la notte sull'11 s'acchiapparono nave, equipaggio e, soprattutto, il carico.

Anche se non ci sono conferme sembra che il munizionamento sia stato utilizzato dalla RAF sia in AS che in AO, mentre i bombardieri italiani in AOI si ritrovarono ad attaccare le navi da guerra inglesi in Mar Rosso con le bombe da 50.

Ciao
Stefano
AMTT - Armi, Munizioni, Tecniche e Tattiche, tutto il resto .....

Murphy's Law of Combat Operations Rule 22: The easy way is always mined.
Murphy's Law of Combat Operations Rule 43: Military Intelligence is a contradiction.
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5210
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

axel1899 ha scritto:Io manco sapevo che alla Fiocchi avessero prodotto spolette .... e la cosa anzi mi stupisce un po'... capirei detonatori....
La citazione nel documento "fratelli Fiocchi" potrebbe anche non essere la GFL che noi conosciamo come produttrice di munizioni. Magari un ramo della famiglia faceva ( e fa') cartucce, e altri parenti assemblavano spolette, magari su linee di produzione che prima del conflitto producevano rubinetti o orologi.....
Oppure, e io non ne sono a conoscenza, l'odierna GFL era denominata al tempo appunto "fratelli Fiocchi"....
Da sviluppare il resto del discorso..., parecchio curioso in effetti [137 [137 [142
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
Eniac
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5241
Iscritto il: 20/06/2009, 9:53
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Abruzzo
Grazie Inviati: 62 volte
Grazie Ricevuti: 3 volte
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da Eniac »

Beh, va già meglio , non avrei mai digerito il fatto che fossero state di Italica produzione. [264
Copyright © CeSIM Munizioni 2020. All Rights Reserved.
Avatar utente
stecol
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 2270
Iscritto il: 11/04/2007, 11:48
Collezionista: No
cosa: Militari e Civili
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: Roma
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 15 volte
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da stecol »

Ragazzi, forse non mi sono spiegato bene, le spolette targate "LECCO", anzi per dirla più giustamente i "Tail Pistol No.28 Mk. III", perchè fin'ora solo su questo modello è stato riscontrato questo marchio, sono sicuramente di produzione britannica e forse sono stati fabbricati anche negli USA e/o in Canada.
In Italia un dispositivo del genere sicuramente non è stato mai prodotto, né prima, né dopo, nè tantomeno durante la guerra.

"LECCO" va interpretato come "LE.C.CO" oppure come "L.E.C.CO", dove il "CO" finale dovrebbe essere interpretato come "Company": resta solo da capire chi l'ha prodotto.

Ciao
Stefano

P.S.: la 1000 libbre di cui parla la prefettura è una G.P. (General Purpose) o una M.C. (Medium Capacity), ordigni che usavano normalmente il No.28 e Avevano anche una carica di TNT/T4 40/60.
AMTT - Armi, Munizioni, Tecniche e Tattiche, tutto il resto .....

Murphy's Law of Combat Operations Rule 22: The easy way is always mined.
Murphy's Law of Combat Operations Rule 43: Military Intelligence is a contradiction.
Rispondi