Spolette italiane su bombe inglesi???

La bibbia delle bombe d'aereo

Rispondi
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da wyngo »

Eniac ha scritto:Si Francesco, avevo gia notato questo problema , purtroppo è un bug del sistema che al momento non mi è ancora riuscito di correggere , spero venga superato con la prossima revisione , purtroppo al momento non mi riesce di sistemare la cosa , mi dispiace. [142

P.S.
Quello che posso fare è copiare dal pannello amministratore le didascalie che hai messo nelle altre foto e riportarle manualmente...stasera provvederò.

...non ti preoccupare...al massimo, col prossimo intervento, inviero' un'allegato esplosivo a lungo ritardo chimico, programmato per esplodere quando il sistema non pubblica le didascalie... [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17

Grazie Nicola!
Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
stecol
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 2271
Iscritto il: 11/04/2007, 11:48
Collezionista: No
cosa: Militari e Civili
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: Roma
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 15 volte
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da stecol »

Occhio che questo manda le testate nucleari tattiche via fax .... [rotola] [rotola] [rotola]
AMTT - Armi, Munizioni, Tecniche e Tattiche, tutto il resto .....

Murphy's Law of Combat Operations Rule 22: The easy way is always mined.
Murphy's Law of Combat Operations Rule 43: Military Intelligence is a contradiction.
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5215
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

wyngo ha scritto:
Eniac ha scritto:Si Francesco, avevo gia notato questo problema , purtroppo è un bug del sistema che al momento non mi è ancora riuscito di correggere , spero venga superato con la prossima revisione , purtroppo al momento non mi riesce di sistemare la cosa , mi dispiace. [142

P.S.
Quello che posso fare è copiare dal pannello amministratore le didascalie che hai messo nelle altre foto e riportarle manualmente...stasera provvederò.

...non ti preoccupare...al massimo, col prossimo intervento, inviero' un'allegato esplosivo a lungo ritardo chimico, programmato per esplodere quando il sistema non pubblica le didascalie... [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17

Grazie Nicola!
Francesco
Tanto noi lo riconosceremo perchè avrà il finale 7 e non lo apriremo!!! [icon_246
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da wyngo »

[17 [17 [17 [17 [17 [17 [17 [17
...beh vedi, almeno qui, se spiego qualcosa, mi date soddisfazioni [264 [264 ...ci sono persone che ancora, dopo anni, non si riescono a ricordare nemmeno questa storia del 7 finale! bastard [110.gif


Stecol welcome , che fai collusione col nemico?... bastard guarda che ti sguinzaglio dietro qualche Artificiere di quelli veri, un paio di quelli gratta e vinci e un maresciallo millantato...e quelli mordono che mordono...aho'...e che ci posso fare, gli rode! [110.gif
Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
Francesco...semplice Utente.
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da wyngo »

...continuiamo...
E siamo arrivati agli Yankee...che da buoni ultimi approdarono alle spolette a lungo ritardo chimico con sistemi anti-rimozione, nel 1943.
Dopo lunghi studi e sperimentazioni, approdarono alla famiglia delle succitate , generando la serie di spolette M 123 che comprendeva la M 123, che veniva montata sulle 100 e 250 libbre, la M 124 che veniva montata sulle 500 e 1000 libbre e M 125 che veniva montata sulle 2000 libbre.
123series fuze.jpg
m123.jpg

Le spolette erano programmate per armarsi con un minimo di 100 piedi ( circa 350 metri ) di quota minima di caduta, avevano ritardi preimpostati di 1-2-6-12-24-36-72 ore, che erano impressi sul corpo della spoletta;
il funzionamento era dato da un solvente, acetone, che dissolveva in un dato tempo, dei dischi di celluloide che costituivano il collare di ritegno del percussore precaricato a molla, che quando risultavano disciolti, rilasciavano il suddetto percussore libero di impattare sul detonatore e provocare la detonazione della bomba.
M123A.jpg

L'armamento era a mezzo di elica eolica che durante la caduta, avvitandosi nel corpo spoletta, rompeva l'ampolla di acetone, dando il via al ritardo preimpostato. L'impatto non aveva alcun effetto sull'armamento della spoletta.
M123.jpg
Il sistema era completato da un congegno antirimozione, identico a quello inglese; ovvero lo svitamento del corpo della spoletta portava ad una separazione interna della spoletta stessa, che liberava il percussore immediatamente, provocando l'esplosione della bomba.
M123 antirimozione.jpg

Il sistema antirimozione appena descritto sarebbe stato inefficace, se fosse stato possibile rimuovere la spoletta dal fondello della bomba, in altre maniere , ad esempio svitando gli adattatori o il fondello stesso dal corpo cilindrico della bomba.
Indi gli adattatori furono modificati e il fondello venne modificato con due perni ( detti locking pin ) che sporgevano all'interno della cavita' dove veniva fuso l'esplosivo, rimanendo cosi' saldamente ancorato al corpo bomba.

Op 1664 US Explosive Ordnance 464.jpg
Op 1664 US Explosive Ordnance 465 base plate.jpg
TM-9-1325-20 Bombs and Bomb Components USA-1966 base plate.jpg
TM 9-1900 Ammunition general USA1945 140.jpg baseplate.jpg



Le bombe cosi' modificate potevano impiegare con sicurezza le spolette a lungo ritardo, con sistema antirimozione e vennero denominate AN-M, seguite dal modello di bomba, seguite dalla sigla A1.
Durante l'uso sul campo si scopri' che l'elica di armamento a 4 palette non era in grado di armare nel tempo e quota voluto, le spolette e ne venne approntata una nuova serie, la 123A1, con una nuova elica a 8 palette e miglioramenti nei materiali.
La spoletta alloggiava detonatore e booster ma questi venivano avvitati solo quando le spolette venivano montate e subito armate, ovvero poco prima di decollare.
La serie era considerata pericolosa da disarmare e vi erano precise disposizioni di sganciare il carico in territorio nemico o in acque profonde.

enemy 123.jpg
Successivamente venne immessa in servizio una seconda serie di spolette a lungo ritardo chimico con antirimozione, la 132.
La serie comprendeva la M 132 per le 100 e 250 libbre, la 133 per 500 e 1000 libbre e la 134 per la 2000 libbre.
La spoletta aveva delle differenze, a partire dal tempo di ritardo che è solo di 16 minuti.
132 series fuze.jpg
Altre differenze dettate dalla precedente esperienza erano piccoli dettagli di sicurezza, tipo una clip che impediva il disassemblaggio accidentale e un pin rimovibile, che permetteva di ispezionare visivamente l'ampolla di solvente.
particolare m132.jpg
Identiche precauzioni di sicurezza anche per le bombe armate con spolette della serie M132.
enemy dropping.jpg

Per completare la serie, cito la spoletta anti-disturbo M131, montata sulla bomba ad alto esplosivo a frammentazione M83, meglio conosciuta come Butterfly o bomba a farfalla, copia esatta delle omologa tedesca SD2.
Dopo l'uscita dal cluster o dal wafer, in sospensione sotto l'ala o pilone centrale, le alette controrotando svitano l'asta e armano la spoletta, che finisce di armarsi all'impatto. Ogni azione successiva provoca l'esplosione dell'ordigni.
OP-1548 Bomb-Fuze Data-1945 71.jpg
Gli americani consideravano le loro bombe a farfalla egualmente pericolose alle tedesche e avevano precisi ordini per cercare di evitare incidenti blue on blue, ovvero per mano amica. Non dovevano essere impiegate dove si presumeva ci dovesse essere imminente offensiva e a ridosso delle linee di confrontazione.
M83 Submunitions USA Maj1944 3.jpg
M83 Submunitions USA Maj1944 4.jpg
...continua...

Francesco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
Eniac
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5255
Iscritto il: 20/06/2009, 9:53
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Abruzzo
Grazie Inviati: 62 volte
Grazie Ricevuti: 4 volte
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da Eniac »

PDF aggiornato....
Copyright © CeSIM Munizioni 2020. All Rights Reserved.
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5215
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

Question time per Wingo:
Nella prima foto che hai postato a supporto del chiarimento dell'acronimo LECCO, si vede un Pistol No. 27 II, ed avendo il sette finale come il no. 17 ed il 37 di tua subito successiva spiegazione, deduco sia pure la 27 un medio/lungo ritardo chimico, forse con o senza sistema antirimozione con le sferette malefiche....
Ma lo vedo smontato a suon di giratubi dal corpo della bomba e, anche se è vero che poi è andato distrutto come recita la didascalia alla foto......, come è che ci si è fidati a smontarla nonostante il ritardo chimico e la aleatoria presenza del sistema antirimozione?
Insomma: SE è come ipotizzo io, qualcuno ha corso un rischio della m.....nna a rendere inoffensiva la bestiaccia!!! [argh [argh
O mi sfugge qualcosa, Fra'?
Un caro saluto.
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5257
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana
Grazie Inviati: 1 volta
Grazie Ricevuti: 16 volte

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da Centerfire »

Geniale il sistema antirimozione americano!
La gola circolare che ospita la sferetta non ha profondità costante ma diventa sempre più bassa fino a reincontrarsi creando un dente.
La sfera durante l'avvitamento si appoggia nella cavità di questo dente e stanndo in profondità non interferisce col montaggio. La sede della spoletta è in questa zona cilindrica e liscia.
All'atto dello svitamento per frizione la sfera rotola nella gola che diminuendo di profondità la forza contro la parete del foro di spoletta fino ad incastrarla e bloccare il terminale della stessa.
Ulteriori giri di smontaggio provocano la separazione delle parti ed il rilascio delle sferette di blocco che trattengono il percussore... [1334

A questo punto stando così le cose verrebbe da supporre che tutti gli ordigni a caduta vengono fatti brillare senza despolettamento... ma la cronaca riporta numerosi interventi di bonifica dove viene eliminata la spoletta e poi rimossa la bomba. C'è qualcosa che non torna... [126
Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
È tempo di morire. (Blade Runner)
Avatar utente
stecol
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 2271
Iscritto il: 11/04/2007, 11:48
Collezionista: No
cosa: Militari e Civili
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: Roma
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 15 volte
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da stecol »

OLD1973 ha scritto:Question time per Wingo:
Nella prima foto che hai postato a supporto del chiarimento dell'acronimo LECCO, si vede un Pistol No. 27 II, ed avendo il sette finale come il no. 17 ed il 37 di tua subito successiva spiegazione, deduco sia pure la 27 un medio/lungo ritardo chimico, forse con o senza sistema antirimozione con le sferette malefiche....
Ma lo vedo smontato a suon di giratubi dal corpo della bomba e, anche se è vero che poi è andato distrutto come recita la didascalia alla foto......, come è che ci si è fidati a smontarla nonostante il ritardo chimico e la aleatoria presenza del sistema antirimozione?

Beh, il Pistol No. 27 è l'eccezione che conferma la regola del "7", difatti è una normalissima, classica spoletta di ogiva (di punta, di naso, a b.a. ecc. ecc.) istantanea e a percussione, con tanto di elichetta di armamento e traversino di sicurezza ... [264
No27.jpg
Ciao
Stefano
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
AMTT - Armi, Munizioni, Tecniche e Tattiche, tutto il resto .....

Murphy's Law of Combat Operations Rule 22: The easy way is always mined.
Murphy's Law of Combat Operations Rule 43: Military Intelligence is a contradiction.
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5215
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

Ah, ecco, mo' è chiaro!
Grazie Ste. [264
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Rispondi