Mortai rigati

Bombe da mortaio-Bombarde

Avatar utente
EOD ITALIANO
Friends
Friends
Messaggi: 744
Iscritto il: 14/03/2014, 21:04
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Località: TORINO
Grazie Inviati: 24 volte
Grazie Ricevuti: 11 volte

Re: Mortai rigati

Messaggio da EOD ITALIANO »

OLD1973 ha scritto:Grazie Aldo!
La prima delle due spolette utilizzate, quella con ritardo (suppongo 0,05), è la PDM-557?
In caso affermativo, so' per cosa era utilizzata in Italia!
Confermo la PDM 557, l'altra è la FR55 a tempo francese, nella seconda pagina "culatta" per quanto riguarda quel mortaio trovi la risposta al tuo quesito.
Ciao Aldo
. . . Fino alla fine
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7224
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 8 volte
Grazie Ricevuti: 13 volte

Re: Mortai rigati

Messaggio da Andrea58 »

wyngo ha scritto:
chaingun ha scritto:Ricordo che all'inizio della seconda guerra mondiale, la Cemsa di Saronno mise a punto un mortaio leggero calibro 63,5 mm, ad anima rigata, e in effetti anche in quel caso le bombe erano pre-rigate. Ne fu prodotto un certo quantitativo per esportazione, poi per le vicende belliche la commessa non poté essere consegnata e i mortai furono "girati" alla Guardia alla frontiera (Gaf).
E' esatto ma quel pezzo in realta' non era un vero e proprio mortaio ma un lanciabombe che dell'originario mortaio conserva solo la traiettoria del 3°arco...che poi i pezzi siano stati impiegati dalla Guardia alla Frontiera non so e non ho fonti in merito.
La gittata e la potenzialita' sono in linea col mortaio da 60 americano ma il sistema sarebbe stato costoso e complesso da produrre, pesante e servito da ben 5 persone che si possono ridurre a tre, ma sono comunque molti per un impiego bellico...infatti la pubblicazione in 3 lingue era piu' che altro una brochure pubblicitaria, in quanto segue delle specifiche emanate da Enti Militari ma l'arma non è stata mai adottata.
Allego un po di pagine del manuale originale.
Ciao Francesco
Ma che bel giocattolino, quasi tascabile. e poi con soli 60 kg in batteria è pure facile da spostare sotto il fuoco nemico. [argh [argh [argh [argh
Una cosa del genere forse poteva avere ragione come pezzo fisso per battere settori prestabiliti, ma a quel punto...... perchè non un normale mortaio da 81???
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Mortai rigati

Messaggio da wyngo »

Ciao a tutti...le bombe da 120mm del tipo rigato Thomson-Brandt, in servizio e in catalogo presso l'Esercito Italiano sono 5, come ha gia' aggiunto Aldo...
Due sono ad alto esplosivo e una di queste, a propulsione addizionale (con un grano propellente interno, comandato con un'otturatore pirotecnico) , è la naturale evoluzione della PEPA in servizio con il mortaio liscio da 120mm mod.63; poi abbiamo l'illuminante a spettro visibile; la bomba Practice da addestramento con una piccola spotting charge in polvere nera ed infine la bomba fumogeno-incendiaria al fosforo bianco......io posto la pagina di un'altro manuale.
Ciao Francesco
Pubbl. n°6652- Mortaio 120 rigato Thomson PRPN-CSST 2.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5212
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Mortai rigati

Messaggio da OLD1973 »

Siete entrambi [264 !!!
Grazie ragazzi [146
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Mortai rigati

Messaggio da wyngo »

Andrea58 ha scritto:
wyngo ha scritto:
chaingun ha scritto:Ricordo che all'inizio della seconda guerra mondiale, la Cemsa di Saronno mise a punto un mortaio leggero calibro 63,5 mm, ad anima rigata, e in effetti anche in quel caso le bombe erano pre-rigate. Ne fu prodotto un certo quantitativo per esportazione, poi per le vicende belliche la commessa non poté essere consegnata e i mortai furono "girati" alla Guardia alla frontiera (Gaf).
E' esatto ma quel pezzo in realta' non era un vero e proprio mortaio ma un lanciabombe che dell'originario mortaio conserva solo la traiettoria del 3°arco...che poi i pezzi siano stati impiegati dalla Guardia alla Frontiera non so e non ho fonti in merito.
La gittata e la potenzialita' sono in linea col mortaio da 60 americano ma il sistema sarebbe stato costoso e complesso da produrre, pesante e servito da ben 5 persone che si possono ridurre a tre, ma sono comunque molti per un impiego bellico...infatti la pubblicazione in 3 lingue era piu' che altro una brochure pubblicitaria, in quanto segue delle specifiche emanate da Enti Militari ma l'arma non è stata mai adottata.
Allego un po di pagine del manuale originale.
Ciao Francesco
Ma che bel giocattolino, quasi tascabile. e poi con soli 60 kg in batteria è pure facile da spostare sotto il fuoco nemico. [argh [argh [argh [argh
Una cosa del genere forse poteva avere ragione come pezzo fisso per battere settori prestabiliti, ma a quel punto...... perchè non un normale mortaio da 81???
...a mio parere nel 1941 la Cemsa produceva ottimi mortai come l'81mm a lunga gittata o il 120mm per l'esportazione, che erano di molte lunghezze avanti a quell'aborto da 63,5, pesante e con gittate all'altezza di un buon 60mm americano...io non avrei mai comprato un'arma di alcuna utilita' come quella e infatti non fu mai adottata...un barlume di lucidita' nelle menti pensanti che ancora nel 1943 confermavano la produzione di velivoli anacronistici o fallimentari come il CR42 e il Breda88M.
Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
EOD ITALIANO
Friends
Friends
Messaggi: 744
Iscritto il: 14/03/2014, 21:04
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Località: TORINO
Grazie Inviati: 24 volte
Grazie Ricevuti: 11 volte

Re: Mortai rigati

Messaggio da EOD ITALIANO »

Ovviamente come da foto (rubata dalla pagina FB del nostro E.I.) il mortaio è anche elitrasportabile
Ciao Aldo
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
. . . Fino alla fine
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Mortai rigati

Messaggio da wyngo »

OLD1973 ha scritto:Il manualetto riporta una data?
Ho visto che è trilingue: italiano, francese e spagnolo.
Suppongo fosse stato redatto in spagnolo in ottica di commesse per la guerra in Spagna del '36-'39 ..... e prima del giugno del '40 di sicuro.

La brochure della CEMSA è del 1940, forse preparata prima degli eventi bellici...ma a chi pensavamo di vendere quel materiale, con una buona dose di ottimismo, non lo so davvero...
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Mortai rigati

Messaggio da wyngo »

OLD1973 ha scritto:Domandina, forse banale: le granate per i mortai rigati, sono (pre)rigate?
Se si, possono essere sparate solo con comando del percussore e non con percussore fisso e bomba a caduta in quanto la caduta della bomba nel tubo di lancio sarebbe rallentata dalle rigature ?

...tecnicamente non tutte le bombe da mortaio, per mortaio rigato, sono rigate...il piu' grande mortaio rigato per numeri di produzione, diffusione e per impiego, il 4,2 inch americano era rigato ma le bombe no.
Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5212
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Mortai rigati

Messaggio da OLD1973 »

wyngo ha scritto:
OLD1973 ha scritto:Domandina, forse banale: le granate per i mortai rigati, sono (pre)rigate?
Se si, possono essere sparate solo con comando del percussore e non con percussore fisso e bomba a caduta in quanto la caduta della bomba nel tubo di lancio sarebbe rallentata dalle rigature ?

...tecnicamente non tutte le bombe da mortaio, per mortaio rigato, sono rigate...il piu' grande mortaio rigato per numeri di produzione, diffusione e per impiego, il 4,2 inch americano era rigato ma le bombe no.
Ciao Francesco
Occhio alla domandona: e a cosa serve una bomba liscia in una canna rigata?
"Prendeva" lo stesso? Era Paper-patched? [icon_246
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Mortai rigati

Messaggio da wyngo »

...la bomba aveva un sistema a deformazione elastica di una banda di rame ( una vera e propria corona di forzamento), che sotto la pressione ed il calore della vampa delle cariche di lancio e sottoposto a pressione di una piastra flottante sottostante, si deformava allargandosi ed intagliandosi nelle rigature, impegnandole e girostabilizzando la munizione.
4.2he.jpg
MM2598-Identifying-Ammunition 25.jpg
MM2598-Identifying-Ammunition 26.jpg
Ciao Francesco
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Rispondi