cartuccia italiana? 6,5x52

Munizioni fino a 20mm

Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

cartuccia italiana? 6,5x52

Messaggio da norby73 »

Ho trovato questa cartuccia 6,5x52 assieme a cinque sorelle identiche dentro una lastrina caricatore Mannlicher-Carcano in qualche parte dell'altopiano di Asiago.
A suo tempo non feci troppo caso al marchio "S B 17" poi pensandoci nessun produttore italiano ha mai marchiato così le munizioni o perlomeno non ne siamo a conoscenza, il libro "Guida per l'identificazione delle cartucce" del Corsi a pag. 301 recita n° 1646 - non identificato - Catuccia per fucile italiano in cal. 6,5x52 mm Mannlicher Carcano, molto probabilmente prodotta dalla Sellier & Bellot tedesca o cecoslovacca - c'è un evidente errore, la Cecoslovacchia non esisteva nel 1917 quindi è stata prodotta nell'Impero Austro-Ungarico ma a che scopo?
La cartuccia è perfettamente identica a quella standard italiana forse il metallo dell'ogiva è diverso un po più rugoso e più chiaro e quello del bossolo sembrerebbe più scadente, ma forse questo è dovuto solo alla lunga permanenza nel sottosuolo.
Ho ipotizzato che fossero state prodotte dopo la vittoriosa offensiva di Caporetto dove caddero nelle mani Austro-Tedesche ingentissime quantita di armamenti italiani in questo calibro subito distribuiti ai reparti di seconda linea ma nell'ultima settimana ho trovato tre cartucce identiche marchiate "S B 16" che fanno saltare di netto questa ipotesi.
Qualcuno ha idee in proposito?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
walzi

Messaggio da walzi »

Le sigle S e B che compaiono sulla tua cartuccia, a mio parere, stanno ad indicare che il propellente utilizzato per il caricamento è la Solenite (codice "S") che ha sostituito prima della guerra la balistite nonchè la manifattura di produzione che nel nostro caso è il pirotecnico di Bologna (codice "B") nonchè l'anno di produzione.
Ciao
Avatar utente
giovanni
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 1989
Iscritto il: 22/04/2005, 1:08
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto - Padova - Italy
Grazie Ricevuti: 11 volte
Contatta:

Messaggio da giovanni »

E bravo Norby73, sempre con qualche chicca...
Ho appena visto il messaggio per cui stasera giù a studiare per capire qualcosa di preciso.
Ma siccome fondamentalmente sono un' po' bastardo dentro
nel frattempo aggiungo carne al fuoco...

2005107111451_6,5 Carcano S B 18.jpg
questa è del 18


2005107111537_6,5 Carcano S I 17.jpg
ma questa cos'è se l'altra è della S&B?
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Messaggio da norby73 »

Credo sia il caso di farti fare un corso di fotografia!
cosa c'è scritto sulla seconda???
Lafitte

Messaggio da Lafitte »

Si si se ne trovano anche da me, con quel timbro li ma solo degli anni di guerra, quindi credo si tratti di una produzione d'emergenza, comunque con le stesse sigle non si trovano i caricatori, ne ho più di un centinaio con date, fabbricanti ed ispettori dal 1894 al 1945 ma non ho mai riscontrato tali marchi su nessuno, per questo credo trattasi di produzione dettata esclusivamente dalla forte richiesta durante i 4 anni del conflitto!
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Messaggio da norby73 »

Se di produzione di emergenza si tratta, il costruttore dobbiamo individuare!
Anche perchè la possibilità che sia il pirotecnico di Bologna, come proposto da walzorzi, mi lascia molto perplesso, secondo alcuni autori Bologna produceva cartucce a carica di solenite già dal 1906, Capua dal 1907, ha sempre marchiato le cartucce con B + (anno 3 o 4 cifre) + le iniziali dell'ispettore (la storia delle croci per identificarle la prenderei con le pinze) quindi perchè cambiare marchio?
Lafitte

Messaggio da Lafitte »

Si potrebbe vedere che cosa c'è dentro una di quelle recuperate da scavo a sensazione però ci dovrebbe essere solenite quasi sicuro, per cui essendo già la balistite non più in uso credo che non valesse la pena indicarne il contenuto, forse trattasi di un produttore privato o simili che produsse per il momento bellico, più o meno quel che successe nel 35-36 per la guerra in AOI. Bella gatta!
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Messaggio da norby73 »

La carica è di solenite.
Avatar utente
giovanni
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 1989
Iscritto il: 22/04/2005, 1:08
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto - Padova - Italy
Grazie Ricevuti: 11 volte
Contatta:

Messaggio da giovanni »

Ciao la prima foto riproduce una S B 18
la seconda una S I e la data pare 17 la lineetta che appare prima della I sempra dovuta alla lavorazione ed è simmetrica con quella appena visibile sulla S
stasera cerco di pulire meglio la cartuccia ma dubito si veda molto meglio di così
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Messaggio da norby73 »

Chiedo scusa!
I due pirotecnici militari italiani hanno sempre marchiato rispettivamente con B - Bologna e C - Capua più due o tre cifre dell'anno e non quattro come avevo scritto.
Rispondi