H E L P

Munizioni fino a 20mm

Rispondi
enzo

H E L P

Messaggio da enzo »

SALVE A TUTTI, SONO UN NUOVO ISCRITTO E HO BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PER IDENTIFICARE QUESTI DUE..... ANCHE NEL COLORE ORIGINALE IN QUANTO STO PENSANDO A UN BUON RESTAURO.
incute

Messaggio da incute »

le foto aiuterebbero un pochino!
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5253
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana
Grazie Inviati: 1 volta
Grazie Ricevuti: 16 volte

Messaggio da Centerfire »

Già... magari una foterella....
enzo

Messaggio da enzo »

BHE' AVETE RAGIONE !!! NON SO QUANTE VOLTE HO PROVATO AD INSERIRE IL FILE. CI STO' PROVANDO ANCORA ADESSO.
denis

Messaggio da denis »

Ciao Enzo, e ben arrivato!
Le foto non devono essere più grandi di 250 Kb

Ciao
Denis
enzo

Messaggio da enzo »

Ok!!! grazie a tutti grazie a Denis, scusate il formato, ho dovuto stringere parecchio ma ci sono riuscito. G R A Z I E
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Lafitte

Messaggio da Lafitte »

Ciao Enzo, prova e misurare i 2 pargoli e vedi se sul corpo hanno timbrature di anni, lotto di produzione o sigle varie e poi riporta il tutto sul topic anche eventuali colorazioni residue, in che materiale sono le coronedi forzamento? Rame o ferro? Opss una non ha corona mi pare di vedere!!
Allora quello a destra guardando l'immagine (quello più piccolo per intendersi) sembrerebbe (se sbaglio chiedo già da ora venia) avere la corona in rame piuttosto ossidata (che sembra quasi in ferro visto il colore simile a quello del corpo arrugginito)e sembreberre essere un 149 Pancani (dal tipo di spoletta) era uno srhapnell a doppio effetto (cioè poteva funzionare anche come una granata all' impatto con tempo 0) Tale proiettile comparve nella I° guerra ma venne utilizzato anche nella II° ed fu utilizzato sul 149/13 (13 sono i calibri in lunghezza della canna) in questo ultimo caso la sua colorazione era: corpo grigioverde (colorazione ottenuta con vernice allo zinco) fascia rosso cupo al di sopra della corona e fascia arancione (minio) al di sotto del collarino superiore, il tipo caricamento e il tipo di calibro venivano indicate a cifre nere sul corpo grigioverde.
Il primo forse (se effettivamente di 149 si tratta) potrebbe essere un 149 A (acciaio) monoblocco rastemato più conosciuto come francese per via della forma (ma francese non è) ma senza specifiche misure potrebbe essere anche un 155 L m.15.
Quanto al restauro da eseguire ti consiglio di fargli solo una buona pulitura conservando (se si è conservata) la sua colorazione originale anche se lacunosa, i calibri ritinti in modo simile a quelli d'epoca sono inguardabili (giudizio personale) perchè effettivamente una coloritura simile a quell' d'epoca è molto difficile da riprodurre, sia per la difficoltà di trovare i colori appropriati sia per via della "patina" di vecchio che il pezzo acquista solo dopo molti anni!!
enzo

Messaggio da enzo »

Ciao LAfitte, allora quella piccola è alta 37 Cm. e larga 10 con un diametro "apertura" di 10Cm. sulla corona di forzamento c'e' inciso in stampatello ( A.B.) con una traccia di colore rosso scuro. Quella grande invece misura 57 Cm. e larga 14 con il diametro filettato di 4 Cm. qui nessuna traccia ne scritte. Tutto qui, grazie a presto.
Lafitte

Messaggio da Lafitte »

Ciao Enzo, si allora ti confermo che la grande è un 149 A monoblocco forse II guerra (continuavamo ad usare gli stessi tipi di munizionamento) in quanto sembra avere della vernice verde conservata (nella I° guerra le colorazioni erano diverse).
Dell' altra mi scrivi che ha un diametro di 10 e un apertura superiore di 10 cm ma dalla foto il foro superiore appare più piccolo rispetto al corpo altrimenti il pezzo dovrebbe essere cilindrico e non rastremato verso l'alto. Se effettivamente fosse un 100mm potrebbe trattarsi di un 100/17 cioè di un pezzo prodotto in italia per un cannone di preda bellica austriaco utilizzato in grosse quantità nel I° dopoguerra.
Rispondi